Hendrix: i colori dell’anima

Questa sera vorrei fare un piccolo omaggio a colui nel quale la frase di Shakespeare “Siamo fatti della stessa materia dei sogni” trova forse il suo maggior compimento.

Per molti il miglior chitarrista della storia della musica, Jimi Hendrix ha rappresentato la quintessenza del potere immaginativo della mente umana.

Molto di quello che componeva scaturiva infatti da sogni, sensazioni oniriche che si generavano nella sua testa e che trovavano compimento in una tela di armonie fatta di un’infinità di colori. Le sostanze che assumeva e che purtroppo lo hanno portato ad una morte prematura non facevano altro che amplificare questo potere immaginativo.

È innegabile che Jimi amasse molto esprimersi attraverso i colori: lo testimoniano gli abiti sgargianti che indossava, le copertine dei suoi dischi, i titoli ed i testi di alcune sue canzoni. Non credo sia mai esistito un artista maggiormente capace di tradurre in musica una serie di stati mentali complessi, fatti di istinto e genio.

Secondo me la vera forza di Hendrix consisteva proprio in questa dote quasi soprannaturale, fatte salve l’enorme padronanza dello strumento e l’eccezionale tecnica individuale.

Leggendo la sua autobiografia si nota quanto fosse sempre alla ricerca di qualcosa di nuovo, echi, distorsioni ed effetti sonori spiazzanti: una condizione quasi da nomade, ben testimoniata dal nome che aveva dato al suo ultimo gruppo, “Band of Gipsys”, protagonista del suo ultimo album.

Il suo impatto sulla storia della musica e sul modo di suonare la chitarra è stato devastante: con soli quattro album, concepiti tra il 1967 ed il 1970, è entrato nel mito ed ha spinto generazioni di ragazzi ad imbracciare la chitarra, facendola diventare la propria principale ragione di vita.

La sua Fender Stratocaster color crema ha prodotto alcuni tra i più strabilianti capolavori della storia chitarristica, ad un livello melodico, emozionale e compositivo che resta forse ineguagliabile.

Stasera dico grazie a te Jimi.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...